FANDOM


Principale


Senjougahara Hitagi è la fidanzata di Araragi Koyomi; è la titolare di tre archi: Hitagi Crab, Hitagi End e Hitagi Rendezvouz.

Aspetto Modifica

È una ragazza con lunghi capelli bruni (viola nell'anime) e occhi blu.

Si è tagliata i capelli durante le vacanze estive del terzo anno di liceo e ha poi iniziato ad arrotolare le maniche dell'uniforme scolastica.

Carattere Modifica

È sincera, schietta e talvolta brusca, mantenendo sempre un'espressione seria. Si autodefinisce tsundere e talvolta commenta su quanto certe parole siano "moe", dimostrando di conoscere almeno un po' lo slang da otaku.

Dopo le vacanze estive del terzo anno di liceo, ha superato i propri traumi, diventando più allegra e moderando la propria bruschezza.

Abilità Modifica

Armi Modifica

Ha utilizzato diversi articoli di cancelleria come armi, in particolare una spillatrice.

Apparizioni Modifica

Serie principale Modifica

Altro Modifica

Curiosità Modifica

  • Ha i capelli bruni ma nell'anime li ha viola.
  • Afferma che il nome "Hitagi" (ひたぎ) sia correlato ai lavori pubblici; infatti, l'unico modo per scriverlo in kanji è "肥田木", che contiene i caratteri di "fertilizzante", "campo" e "albero", mentre la parola per "lavori pubblici" è 土木 e contiene i caratteri di "terreno" e "albero". Il nome "Hitagi" però è scritto in hiragana, rendendo tale eventuale associazione irrilevante.
  • Il suo cognome significa "campo di battaglia" e in particolare richiama quello di uno scontro tra le divinità dei monti Nantai e Akagi.
  • Essendo nata il 7 luglio, è del segno del cancro, che richiama il granchio.
  • La sua arma caratteristica è una spillatrice perché ricorda la chela di un granchio.
    • Il nome inglese della spillatrice è "stapler", richiamato da Staple Stable.
  • Con Kogarashi Sentiment, è stata la prima a duettare in una sigla, la prima in cui canta un personaggio maschile.

Note Modifica

Navigazione Modifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.